L'irresistibile forza della semplicità



Il metodo Bates, pur essendo valido al cento per cento, ha sempre incontrato, dalla morte del suo fondatore a tutt'oggi, un crescendo di difficoltà che ne hanno impedito lo sviluppo e l'affinamento.

Finchè il dottor Bates rimase in vita, più volte sfidò l'intero mondo accademico dell'epoca, spesso vincendo resistenze ed anzi convincendo sempre più persone della bontà del suo metodo. Ciò logicamente scosse i baroni della medicina, tra cui il rettore della scuola di Post-Laurea di New York, che perse le staffe e non potendo negare la validità del lavoro di Bates, lo espulse senza nemmeno il privilegio delle dimissioni. Bates affermava una sola e semplice cosa:

"portatemi le persone a cui avete messo gli occhiali e io glieli toglierò definitivamente".

Un argomento concreto come questo appena riportato, fu sufficiente a far perdere la trebisonda all'illustre e rispettabile rettore, custode della sacra verità stabilita da Helmholtz e soci, i quali semplicemente negavano che la miopia fosse curabile, punto e basta.

A nulla valsero gli studenti già guariti dal dottor Bates, i suoi successi trascorsi e l'ampio curriculum di tutto rispetto, Egli tentava pervicacemente di infrangere un tabù, una solida ed incrollabile costruzione tenuta in vita per più di due secoli con l'apporto di tanti "illustri clinici", che avevano fornito "solide teorie" e che si allontanavano inorriditi dalla constatazione dei fatti, in special modo di quei fatti che smentivano le loro teorie.

Il lavoro del dottor Bates non poteva però essere smentito, nessuno poteva partecipare ad un esperimento con il dottore senza constatare che c'era del vero in ciò che egli affermava. Allora si scelse la via dell'isolamento e della solitudine, nessuno tra medici ed oculisti partecipò o confermò oppure negò più nulla su di lui e sui suoi esperimenti, semplicemente si dichiarò Bates stesso un tabù, era vietato misurarsi con lui visto che gli "illustri clinici" ogni volta le prendevano di santa ragione.

Alla sua morte, gli allievi non avevano la sufficiente autorità e determinazione posseduta da Bates, probabilmente le uniche persone che avrebbero potuto capire fino in fondo i suoi ragionamenti potevano essere solo altri medici come lui e non semplice gente comune. Questi si ritrovarono in breve sopraffatti dagli avversari medici, i quali cominciarono a perseguitarlli in tutti i modi possibili, avvalendosi del loro status di ufficialità. Per continuare ad avere una minima esistenza, il metodo ha dovuto accettare alcune limitazioni imposte dai medici, come il divieto di parlare dei benefici effetti del sole e anche il fatto che il metodo potesse guarire malattie organiche, degli occhi ma anche del resto del corpo.

Ciò portò ad un progressivo impoverimento del metodo,durato fino a pochi decenni fa. Adesso sembra che le condizioni siano migliori, ma non credo che sia proprio così. La medicina ufficiale continua a comportarsi come la Santa Inquisizione medioevale, vedi Hamer, Di Bella e tanti altri medici "alternativi".

Molte volte, però, mi sento dire, da parte dei "nuovi" o anche da gente comune, gente purtroppo molto disinformata, che non ha ancora realizzato come ci si muove in questi mondi, come mai, se il metodo funziona, non viene proposto dagli stessi medici oculisti.

Vi sono un mucchio di validi motivi; dico "validi" appositamente per distinguerli da "buoni" motivi.

Il primo e più importante risiede nel carattere stesso del metodo, che non garantisce consistenti ritorni economici; esso si può cominciare a praticare anche senza essere esperti nel metodo, basta semplicemente eseguire le tecniche senza porsi troppe domande che richiederebbero risposte troppo complesse (o anche troppo semplici). Niente comunque di paragonabile alla moderna industria ottica, che raggiunge fatturati da miliardi e miliardi di euro all'anno. Un mercato in cui guadagnano le industrie, i rivenditori e gli ottici. C'è comunque da dire che le paure delle industrie sono inesistenti, perchè vi sarebbero sempre persone che opterebbero per gli occhiali, per non dover prendere in prima persona il carico della propria vita e della propria salute o malattia.

Il secondo motivo consiste nel fatto che nessuna categoria accetta di veder crollare le proprie convinzioni, in cui ha creduto per secoli. Tanto più che tale crollo investirebbe tutti gli aspetti della medicina. Sappiano che tale crollo è comunque già avvenuto ed è proprio la medicina più avanzata, la ricerca pura, che ne sta decretando la fine.

Il terzo motivo consiste paradossalmente nella semplicità del metodo, che nella sua parte pratica è addirittura disarmante; molte persone stentano a credere che semplicemente chiudendo gli occhi con i palmi delle mani si possano ottenere così tanti benefici o che il dondolio possa risultare così rilassante. Oppure credono che le varie tecniche debbano portare a qualcosa di segreto e mirabolante e sono delusi se non provano "stati mistici".

L'ultimo motivo consiste nella divisione dei suoi allievi. anni di disinformazione sapientemente orchestrata ha prodotto innumerevoli varianti, in massima parte inefficaci, del metodo. Vi sono persone che sfuggono il sole, altri che ne ammettono l'uso in forma minore e altri ancora che esagerano fortemente, arrivando a forme troppo estreme di esposizione ad esso. Su internet esistono diversi gruppi di discussione e si può dire che ognuno di essi segua un proprio percorso, ma tutti, invariabilmente, dichiarano di rifarsi al metodo Bates.

Una sola cosa però rimane: la semplicità del metodo. Fate la prova, chiudete gli occhi, ricordatevi una scena piacevole, rimanete un paio di minuti a godervi il bel ricordo e poi aprite gli occhi. Il mondo vi sembrerà più luminoso, più bello, più vivo.

Postato Mercoledì 27 Luglio 2005 da Nicolò


HomeTorna all'Home Page



Ipse Dixit
La parola al dr. Bates


Rivista mensile
edita dal dr. Bates

He had a dream
Il sogno del dr. Bates